Arcidiocesi

  • on 18 Settembre 2017

MATERDOMINI: GIOVANI SULLE ORME DEL MAESTRO

 

Erano più di 300 i giovani provenienti da diverse parrocchie dell’Arcidiocesi, che si sono incontrati a Materdomini di Caposele per vivere il loro “happening”. Una giornata nel segno della festa, della preghiera e della riflessione vissuta anche grazie ai contributi di don Ivan Licinio, vicedirettore del Santuario di Pompei e dell’Arcivescovo di Potenza-Muro Lucano-Marsiconuovo, S. E. Mons. Salvatore Ligorio. Oltre a quello del responsabile diocesano di Pastorale Giovanile, don Carmine Lamonea.
I ragazzi dopo un momento di accoglienza si sono ritrovati ai piedi della statua di San Gerardo Maiella, patrono della Basilicata e dei giovani lucani, per vivere un momento di preghiera ispirato dalle parole di San Giovanni Paolo II.
All’interno del Santuario, don Ivan ha tenuto la sua relazione incentrandola sul tema: “Maestro dove abiti?”
«Qualche volta – ha detto – la vita ci fa paura perchè non conosciamo la strada. Dobbiamo intraprendere il nostro cammino, ma dobbiamo stare attenti a non prendere strade false. I discepoli nel Vangelo si fidano del Battista che gli indica la strada giusta che è Cristo».
«Oggi ci sono tante vie: quella senza pedaggio, la strada lunga e l’autostrada che ci dà più certezze e sicurezze». «Una sola – ha aggiunto don Ivan – è la strada maestra quella cioè che ci fa fare una inversione a “U”. U come umili, umanità, unici agli occhi di Dio e “u” come uniti a Lui». E’ Gesù sulla croce rende visibile e presente questa inversione. «Quello che agli occhi del mondo è un fallimento, per noi deve essere la via maestra. Questo mondo – ha concluso – ha bisogno di essere invertito e lo potete cambiare solo voi».
Sulla stessa scia, l’omelia dell’Arcivescovo Ligorio che prende come esempio la figura di Zaccheo. «Quando leggiamo che è basso di statura, il Vangelo ci dice che non ci sappiamo stimare. Dio ci ama e posa il suo sguardo su di noi. E’ Gesù infatti che per primo alza gli occhi su Zaccheo e gli dice: “Oggi voglio venire a casa tua”. L’invito che oggi faccio a voi giovani è proprio questo: come Zaccheo apriamo le porte del nostro cuore, fissiamo lo sguardo su di Lui e lasciamoci inondare dall’amore di Dio». L’Arcivescovo ha esortato i ragazzi a rispondere alla chiamata di Dio così come fece San Gerardo Maiella che disse: “Vado a farmi Santo”.
«Non sciupiamo – ha concluso – il dono che Dio ci ha fatto perché Lui ci ama».
Nel pomeriggio dopo un momento di festa i giovani si sono divisi in gruppi e hanno riflettuto su quanto ascoltato da don Ivan e l’Arcivescovo Ligorio. I ragazzi si sono poi recati nella vecchia Basilica per vivere un momento conclusivo sulla tomba di San Gerardo Maiella.

 

 

 

Leave your comment

Please enter your name.
Please enter comment.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!