Arcidiocesi

  • on 10 Settembre 2017

L’ARCIVESCOVO LIGORIO AD AMBURGO

“I Migranti ed i rifugiati oggi” è stato il tema portante del 65° Anniversario della Fondazione della Missione Cattolica Italiana di Amburgo a cui ha preso parte, in qualità di relatore, l’Arcivescovo di Potenza-Muro Lucano-Marsiconuovo, S. E. Mons. Salvatore Ligorio. Nella sua relazione tenuta sabato 9 settembre, il prelato ha sottolineato come l’uomo «creato a immagine di Dio» è un pellegrino che, come Abramo: «lascia la sua terra» e va’ dove il Signore gli indica. Pertanto, fin dall’origine, l’uomo «è un viandante» e «non un girovago». «Nel mondo – ha aggiunto l’Arcivescovo- ci sono 250 milioni di uomini in cammino e 65 milioni di rifugiati, sfollati e richiedenti asilo». In questo contesto pertanto «è importante coniugare umanità e legalità». Come? La strada è indicata da Papa Francesco nel suo messaggio in occasione della Giornata mondiale del rifugiato attraverso 4 verbi: accogliere, proteggere, promuovere, integrare. «Accogliere – ha detto Mons. Ligorio – per fare loro costruire una vita dignitosa, per contribuire a migliorare le condizioni  della loro terra natia. Dobbiamo accogliere – ha ribadito – il loro desiderio di futuro». Il verbo “proteggere” significa invece: «farsi prossimo, condividere e tutelare un cammino» ma anche:  «costruire un percorso protetto, un corridoio umanitario per non essere sfruttati da trafficanti di esseri umani ma essere protetti e accompagnati nella libertà di partire». Secondo l’Arcivescovo dunque, bisogna «promuovere le loro capacità le loro abilità » acquisite «negli studi» con l’obiettivo di «superare la mera assistenza». «L’integrazione – ha aggiunto – è una nuova cittadinanza» che nasce attraverso «la possibilità di partecipare, associarsi e realizzare i propri sogni. Ciò implica dialogo, formazione e inclusione che tenga conto delle esigenze e della specificità dei territori e delle comunità di accoglienza». Non basta solo accogliere ma bisogna facilitare il ritorno nel proprio paese «accompagnandoli in un processo che promuova le persone nella loro terra favorendo le infrastrutture sociali e sanitarie». Per Monsignor Ligorio servono: «approcci nuovi, interdisciplinari e scevri da pregiudizi aperti a un confronto ampio e costruttivo». L’Arcivescovo alla fine del suo intervento ha ricordato le parole del “Motu proprio” che istituisce il Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale: “In tutto il suo essere e il suo agire, – è scritto nel documento – la Chiesa è chiamata a promuovere lo sviluppo integrale dell’uomo alla luce del Vangelo. Tale sviluppo si attua mediante la cura per i beni incommensurabili della giustizia, della pace e della salvaguardia del creato”.

La due giorni dell’Arcivescovo Ligorio si è conclusa domenica 10 settembre. Ha infatti presieduto la celebrazione eucaristica che ha chiuso il 65° Anniversario della Fondazione della Missione Cattolica Italiana di Amburgo.

 

 

 

 

 

 

Leave your comment

Please enter your name.
Please enter comment.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!